Pubblicità
10.6 C
Livorno
14.6 C
Roma
PubblicitàAruba Fibra veloce

LIVORNO

PubblicitàYousporty - Scopri la collezione

LIVORNO CULTURA

HomeCopertina LivornoGaza: Ucciso in un raid operatore di Medici Senza Frontiere

Gaza: Ucciso in un raid operatore di Medici Senza Frontiere

PubblicitàAcquario Livorno - Festeggia il tuo compleanno
GAIAITALIA.COM LIVORNO anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

Medici Senza Frontiere (MSF) è addolorata per la scomparsa di uno dei suoi operatori umanitari a Gaza, Mohammed Al Ahel, ucciso insieme a diversi membri della sua famiglia il 6 novembre. Mohammed lavorava come tecnico di laboratorio per MSF da oltre due anni e si trovava nella sua casa nel campo profughi di Al Shati quando l’area è stata bombardata e l’edificio è crollato, uccidendo, secondo le testimonianze locali, decine di persone.

È evidente come nessun luogo a Gaza sia al sicuro da bombardamenti brutali e indiscriminati. Secondo le autorità sanitarie a Gaza, più di 10.000 persone sono state uccise, tra cui oltre 4.000 bambini. I ripetuti appelli per un cessate il fuoco immediato sono caduti nel vuoto, anche se lo stop ai combattimenti rappresenta l’unico modo per evitare altre morti insensate nella Striscia e per consentire un adeguato livello di aiuti umanitari a Gaza. In tutta la Striscia, persone indifese continuano a perdere familiari e abitazioni, mentre i leader mondiali non riescono a intraprendere un’azione significativa. In questo tragico momento, MSF continua a essere gravemente preoccupata per tutti i suoi operatori a Gaza, molti dei quali stanno ancora lavorando negli ospedali della Striscia per fornire cure salvavita.

Medici Senza Frontiere chiede ancora una volta un cessate il fuoco immediato e incondizionato.

 

 

(7 novembre 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 

 

 

 

 



TOSCANA